La serata rap che ha fatto la storia di Firenze, in foto

29 Oct. 2019
Da vent’anni, lo Yab porta l’hip-hop nel cuore di Firenze: ecco quello che succede quando Havana Club porta in consolle due dei DJ più forti della scena.

Questo articolo fa parte del progetto di Havana Club in collaborazione con Vice in occasione dell'Havana Tour In Da Club. Leggi l'articolo originale di Redazione Vice Italia su Vice.com. Puoi trovare tutti gli altri contenuti sul tour a questo link.

È lunedì ed è tutto sommato un giorno strano per una serata urban, no? E oltretutto a Firenze, non proprio un luogo cardine della scena rap italiana oggi—o mai, dato che una ricerca per "rapper toscani" su YouTube regala solo cose piuttosto tristi. Una domanda su Yahoo Answers cade nel vuoto, qualche quotidiano locale prova a spingere qualche talento emergente, ma poco di più.

Ora come ora, c'è però una possibilità che la scena italiana venga a lavare i panni in Arno: si chiama Tommy Dali ed è un ragazzo del 1999 scoperto da Thaurus, cioè l'organizzazione di booking e management fondata da Shablo—di cui avete sentito sicuramente parlare perché ha fatto e sta facendo la storia del rap italiano. Tommy ha un dono innato per le melodie, una voce che fa vibrare la pareti del cranio di bellezza e una poetica da primi vent'anni perfetta per i nostri tempi—sentire "99" e "Vento" per crederci.

Il suo nome, infatti, è l'unico che serpeggia tra i ragazzi e le ragazze con cui abbiamo parlato sul dancefloor dello Yab, un club in centro città dove, da più di vent'anni, c'è un appuntamento fisso per la scena hip-hop locale. Si chiama Smoove ed è un luogo dove, nel 2019, è possibile sia vedere dei breakdancer sudati che ballano di fronte al DJ per inaugurare la serata sia un'esibizione dal vivo di Blueface.

“È il modo dello Smoove per creare una continuità culturale in quelle che sono le serate hip-hop moderne dove la trap la fa da padrona”, spiega Luca, in arte LED, uno dei ballerini della serata—e in effetti quando entriamo sentiamo funk e breakbeat, suoni morbidi che sembrano venire da un mondo in cui il 2015 non è mai successo. Coerentemente i guest di Havana Tour In Da Club, questa sera, sono due DJ che fanno dell'incontro tra passato e presente dell'hip-hop la loro bandiera: Sgamo e Milangeles.

Due cenni biografici: Milangeles è il resident di due dei party più interessanti della scena hip-hop a Milano. Una è NICE Club e cerca di portare sul palco dell'Apollo gli esordienti più forti prima di tutti gli altri; l'altra è RRRIOT, la serata fondata da MACE—un ragazzo conosciuto sia per la carrellata di dischi di platino che le sue produzioni hanno ottenuto, sia per aver fatto RESET!, ,un collettivo di DJ che ha sfondato il mondo della blog house e dell'electro per un decennio. Sgamo è arrivato a Milano da poco ma è già riuscito a suonare praticamente in qualsiasi posto c'entri anche tangenzialmente con la cultura hip-hop, principalmente perché è un drago a selezionare e mixare pezzi di generazioni lontane.

Stiamo quindi parlando di due DJ basati a Milano—ma di lunedì sera, a Firenze, e quindi davanti a un pubblico internazionale, dato che il centro del capoluogo toscano è notoriamente animato da orde di studenti e turisti stranieri. Fortuna vuole che, come ci spiega il resident del party e veterano della scena Master Freez, è il pubblico perfetto a cui tenere alta l'attenzione proprio in quanto internazionale, proprio perché più abituato a pensare meno per categorie.

Abbiamo chiesto alla fotografa Chiara Riccio di raccontarci lo Yab Smoove con una serie di scatti.